CASTELLO DI SAN SAVINO

 

 

In realtà un borgo rurale fortificato risalente alla fine del 1400, quando il declino dei Malatesta era ormai definitivo. Vide subito il turbolento pediodo dell'ascesa e repentino declino di CESARE BORGIA, l'occupazione della Repubblica di Venezia, il ritorno dello Stato pontificio.

Era posto vicino alla PIEVE DI SAN SAVINO, l'antica e ormai scomparsa Chiesa del Paese, che prima dell'epoca dei vicariati era la principale di tutto il territorio circostante, Coriano e Montescudo compresi. Ciò a partire dal 700 dopo Cristo, e sino al 1700.  Il castello ha subito un intervento di radicale restauro delle mura perimetrali, su inziativa dell'allora Sindaco Eugenio Fiorini.